05/05/2014 - Protesta dei comuni siciliani a Palermo


I Comuni siciliani scendono in piazza. Una grande assemblea per lanciare le proprie controproposte per fronteggiare la crisi.

La situazione è devastante e l’incontro della scorsa settimana in sede di conferenza unificata Regione – autonomie locali non ha fatto altro che confermare il disastro.

I trasferimenti dalla Regione sono fermi al terzo trimestre 2013, manca ancora il saldo dell’anno scorso. Il primo trasferimento che si attende, inoltre, sarà decurtato più del previsto. Dei 95 milioni che dovevano essere distribuiti ai Comuni ce ne sono solo 70. E da quest’anno i vincoli regionali si stringono ulteriormente.

“Lo scorso anno - dice il Presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando – la Regione aveva permesso l’uso di 100 milioni di euro di anticipazioni a scopo di cassa, consentendo ai Comuni in crisi di prelevare da quel fondo e spostare in avanti alcuni problemi. Quest’anno non si potrà fare neanche questo ed il fondo viene azzerato. Non ci sono stratagemmi possibili per tenere in piedi i bilanci comunali”.

Il problema riguarda soprattutto i comuni di media grandezza, quelli al di sopra di 5000 abitanti.


•      Home
•      Primo piano
•      Attualità
•      Sport
•     Agrinews
•     Newsflash
::Links
         
   
   
Sportello Consumatore
   
Blog Capo d'orlando Giovani